Facendo seguito ad una richiesta del 9 dicembre 2021 dalle sigle sindacali FLC CGIL e FGU GILDA Università, con la quale si chiedeva al Magnifico Rettore e al Direttore Generale dell’Università di Messina la corresponsione prevista per legge come fringe benefit per il pagamento delle utenze domestiche per il personale, come già fatto in diversi atenei, l’Amministrazione anziché dare risposta convocava riunione sindacale con ordine del giorno “Misure welfare aziendale” per la giornata di ieri, 9 gennaio 2023. Nel corso della riunione la Gilda Università oltre ad eccepire la correttezza del procedimento contrattuale e la validità della riunione ha ritenuto grave e scorretta la convocazione in materia di welfare, in quanto l’Amministrazione ha voluto sanare una violazione delle relazioni sindacali avvenuta con l’approvazione di una precedente delibera del Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 17 giugno 2022, con la quale si accendeva una polizza assicurativa per il solo personale tecnico amministrativo dell’Ateneo per un importo di 136.180,00, stornando dei fondi ex artt. 64 e 65 del CCNL 2016-2018, inferiori all’importo utilizzato. L’Amministrazione inoltre si è rifiutata di fornire la documentazione attinente ed il verbale del Collegio dei Revisori dei Conti e la Gilda ha ribadito che il personale universitario in servizio presso l’AOU “G. Martino” era stato escluso e che riteneva non valida la riunione riservandosi di interessare tutte le Autorità competenti.

Leggi nota OO.SS. del 9 dicembre 2022https://www.fgudipunimessina.it/wp-content/uploads/2023/01/Richiesta-rimborso-bollette.pdf

Leggi copia verbale integralehttps://www.fgudipunimessina.it/wp-content/uploads/2023/01/Verbale-riunione-Universita-9-gennaio-2023.pdf

10 Gennaio 2023

potrebbe interessarti

potrebbe interessarti